1

ANDORA INCONTRO TEMATICO “GIORNATA DEL NASO ROSSO”

Fantasia e sorpresa: centonovantaquattro bambini e un conduttore d’eccezione. Sono questi gli ingredienti essenziali e i numeri da capogiro che un’inarrestabile e trascinante risata, vera e propria protagonista dell’Incontro Tematico svoltosi ad Andora, ha amalgamato lungo il percorso di gioco e partecipazione che la Casa Vacanza di Andora ha offerto ai partecipanti del 23° turno di Scuola Natura.

Il 06 aprile scorso la Casa Vacanza ha infatti ospitato Nicola Suman, dell’Associazione Ridoridò, consolidata realtà che dal 2004 è impegnata in progetti di formazione, cooperazione e laboratori rivolti a bambini e adulti.

I piccoli allievi delle Scuole dell’Infanzia di via Guido Reni e via Luigi Galvani di Milano sono stati i primi ad assaporare il mondo fantastico che Suman ha saputo allestire per l’occasione. Un mondo sottile, evanescente, quasi impalpabile, accessibile attraverso una porta magica che i piccoli partecipanti sono stati invitati a varcare prima di immergersi in singolari giochi di conoscenza. Ne è scaturito un vero e proprio viaggio, anch’esso fantastico, che, con l’ausilio di un telone da circo, ha fatto incontrare lungo il cammino personaggi più o meno immaginari.

Sul finire della mattinata è stata la volta degli insegnanti con i quali, attraverso alcuni giochi, Suman ha cercato di mostrare il valore dell’incontro con l’altro e dell’inclusione. Una modalità, quella ludica, non così vicina al mondo degli adulti, ma che sapientemente condotta ha contribuito ad abbattere resistenze e distanze facendo scoprire significati altrimenti inattingibili.

Dopopranzo è stato il turno delle Scuole Primarie. Ad essere coinvolti sono stati gli alunni dell’Istituti di via Scialoia, via Cesari, via Palmieri e via Meleri anch’essi di Milano. Complessivamente otto classi che, divise in due sottogruppi, hanno svolto alcuni giochi di abilità utilizzando vario materiale di animazione: piatti cinesi, diablo e altri attrezzi. Al termine del pomeriggio tutti i bambini hanno preso parte al racconto di un altro viaggio fantastico.

Entusiasmo ed interesse per le attività svolte sono stati i tratti comuni restituiti dai bambini, che hanno potuto unire, alla leggerezza del divertimento, il gusto autentico della condivisione. L’affabulazione, tecnica comunicativa utilizzata dal conduttore e arricchita da metodologie che hanno favorito la partecipazione attiva dei numerosi bambini coinvolti, si è rivelata chiave vincente per trasmettere lo spirito autentico dell’iniziativa: la curiosità verso ciò che accadeva, il sentimento di attesa, quasi magica, alimentato dal piacere di stare assieme agli altri… in un luogo dove il gioco si è rivelato non soltanto una modalità inclusiva, ma anche, e forse soprattutto, un linguaggio universale capace di trascendere i limiti e le differenze.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *