questa

ANDORA INCONTRO TEMATICO “L’ACQUA INVISIBILE”

L’acqua, è un elemento archetipo, trasparente e informe, indispensabile fonte di vita per gli esseri animali e vegetali. È esperienza comune osservarla, cercarla e utilizzarla per dissetarsi, cucinare e lavarsi. Da questo punto di vista tutti ne conosciamo la natura, il suo aspetto mutevole a seconda della temperatura dell’ambiente in cui si trova, nonché gli usi differenti che se ne possono fare.

Ma esiste un’acqua invisibile? Andando oltre l’apparenza, aldilà del consueto e del noto, è possibile scoprire qualcosa in più su un elemento che in realtà parrebbe ben più diffuso e indispensabile di quanto siamo abituati a ritenere. Così nel febbraio scorso la Casa Vacanza di Andora, mantenendo saldo l’obiettivo di fornire possibili risposte a questo affascinante interrogativo, grazie al lavoro svolto dalle educatrici e da due explainer dell’Associazione To Science di Torino, ha proposto alle scuole partecipanti al XVII turno di Scuola Natura un percorso che, tra momenti informativi e divertenti giochi, ha attraversato temi e curiosità riguardanti il vasto universo dell’acqua.

La sera del 22 febbraio i ventotto insegnanti presenti in Casa Vacanza hanno preso parte ad una lezione attraverso la quale è stato possibile soffermarsi sull’effettiva quantità d’acqua che serve per produrre cibi e oggetti d’uso quotidiano e per l’utilizzo domestico. Le explainer si sono concentrate inoltre su alcune caratteristiche dell’acqua marina.

La mattina seguente i 168 alunni frequentanti le classi II A, B e C dell’Istituto Marcello Candia di via Vallarsa; la II e la V A della Scuola Ferraris di via Barona; le V A e B di Via della Spiga e le V A, C e D di Via Val Lagarina sono stati i protagonisti del grande gioco a stand in cui gli educatori della Casa hanno cercato di mostrare, attraverso materiali e installazioni, l’utilizzo “nascosto” dell’acqua nelle forme fisiche nelle quali noi la conosciamo.

Le dieci classi partecipanti sono state ulteriormente divise ciascuna in due sottogruppi: con al polso ciascuno un braccialetto rosso o blu, i bambini si sono raggruppati in modo da costituire molecole d’acqua ognuna formata da un bambino contrassegnato dal braccialetto rosso (rappresentante l’ossigeno) e due bambini contrassegnati da braccialetti blu (l’idrogeno). Le molecole così costituite sono state ricomposte in squadre alle quali in Rotonda sono state consegnate una tabella indicante le prove da superare, una mappa del terreno di gioco dove sono dislocati i vari stand e le prove quiz. Per completare il percorso i bambini, accompagnati da un insegnante, hanno superato tre prove-scienza, quattro prove-gioco e due prove a quiz. Ogni gruppo ha potuto muoversi liberamente accedendo agli stand senza il vincolo della turnazione prestabilita.

Per i bambini l’iniziativa è stata occasione per condividere con i compagni di avventura presenti in Casa Vacanza un’attività tanto divertente quanto dinamica e leggera. Attraverso il gioco, vero e proprio trait d’union dell’esperienza, è stato possibile trattare temi oggi sempre più al centro dei dibattiti sui rischi e gli scenari che riguardano l’acqua e il modo in cui questa risorsa viene utilizzata in differenti zone della Terra in maniera disomogenea e non sostenibile

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *