Articoli

ZAMBLA INCONTRO TEMATICO “LA RETE: RISCHI E OPPORTUNITÀ”

In collaborazione con Dunter, agenzia torinese di comunicazione creativa, proiettata alla ricerca di nuove strategie di conversazione multimediale, da sempre interessata al Social Media Marketing, al Web Design, alla programmazione e all’organizzazione di eventi, l’11 maggio scorso la Casa Vacanza di Zambla Alta ha proposto un incontro tematico incentrato sulle potenzialità e i rischi connessi alla navigazione 2.0.

Dopo le consuete presentazioni Filippo Tha ha sottoposto ai 38 ragazzi partecipanti, tutti alunni delle classi 3B e 3C della Scuola Secondaria Tommaseo/I.C. Locatelli – Quasimodo di Milano, un’accurata riflessione sulle questioni fondamentali che caratterizzano la rete di internet. Utilizzando una presentazione in Power Point e un semplice questionario introduttivo l’esperto ha spiegato ai ragazzi i pericoli del web, mostrando anche le strategie e spiegando le semplici azioni per navigare in totale sicurezza.

L’origine della rete internet, il concetto di privacy e il fenomeno del cyberbulling sono stati i principali temi esplorati a partire dal background degli stessi ragazzi, che inoltre hanno potuto rievocare conoscenze già acquisite in aula grazie ad un incontro svoltosi con gli agenti della Polizia Postale.

A testimonianza della centralità e dell’importanza di tali argomenti, nonché dell’impegno profuso nel coinvolgere, in maniera sempre più sistematica e capillare, giovanissimi preadolescenti, si aggiunge la constatazione che tutti i presenti possedessero uno smartphone, da loro utilizzato prevalentemente per ascoltare la musica, chattare sui social o giocare (da sottolineare, a tal proposito, il fenomeno del gaming on-line).

Più incerto, invece, il loro modo di utilizzare internet come occasione di approfondimento, documentazione, ricerca e diffusione di informazioni attendibili e sicure. Qui i ragazzi sono riusciti soltanto a fatica a individuare comportamenti e strategie per non soccombere a quella che potrebbe essere definita una vera e propria “tempesta di informazioni”.

Doveroso, poi, un confronto aperto sui principali Social Media (Facebook, Twitter, Youtube, solo per citare i più noti) e sulle messaggerie on-line (celebre quella di Whatsapp). Ambiti sempre più strettamente connessi con la quotidianità dei più giovani, che ormai utilizzano questi strumenti per dialogare non soltanto con persone lontane, ma anche con persone vicine. Soffermandosi in particolare su Facebook Filippo ha approfondito le conseguenze della sempre più diffusa tendenza a falsificare la propria data di nascita per creare un account ed accedere in tal modo alle piattaforme on-line di comunicazione. Comportamenti pericolosi, dunque, che talvolta possono compromettere, anche gravemente, una persona causando danni permanenti e irrimediabili.

Non è mancato un interessante affondo sulla logica del marketing on-line, sui sistemi di acquisizione delle informazioni e sul concetto di “pubblicità mirata”: qui Filippo ha potuto spiegare i criteri attraverso i quali sui dispositivi elettronici personali e sui profili social compaiano annunci relativi a prodotti attraenti e significativi che paiono rispecchiare i gusti e le aspettative di chi li guarda.

Con il tema del cyberbulling, cioè della violenza reiterata in rete ai danni di persone incapaci di difendersi, si è chiuso un incontro dall’inequivocabile valore formativo. L’esperto ha posto l’accento sul fatto che tale fenomeno, sempre più diffuso e preoccupante, può essere innescato da chiunque possieda i mezzi per produrre e caricare materiale sensibile, provocatorio e allusivo. Ne sono esempi i post sui social, le foto o i videoclip ripresi con i telefoni e immediatamente condivisi in rete. Fenomeni virali, dannosi proprio a ragione del loro potenziale di diffusione, in grado di moltiplicare un contenuto in maniera esponenziale e in pochi secondi, diventando per questo difficilmente governabili da chi ne è colpito. È proprio quest’ultimo aspetto che suggerisce, e al contempo spiega, il bisogno di proporre, anche nell’ambito di un’iniziativa come quella di Scuola Natura, sempre più attenta a tematizzare e approfondire temi legati ai diritti di una società in rapida e frenetica evoluzione, giornate dedicate al dialogo tra preadolescenti e giovani adulti esperti, con l’obiettivo di rendere l’incontro un’esperienza di vera e propria formazione e apprendimento.

ZAMBLA INCONTRO TEMATICO “INNOVAZIONE E FUTURO”

«Tutti gli esperti sostengono che in futuro sarà sempre più importante imparare a lavorare in squadra, avere un approccio multidisciplinare, conoscere bene l’inglese, sapersi concentrare sul problema prima di trovare una soluzione. Ecco perché oggi dovrete lavorare assieme per aggiudicarvi la Marshmallow Tower Challenge e costruire, così, la più alta torre di marshmallow di Zambla Alta».

Fabrizio Alessio, vincitore del Compasso D’oro 2017 con il progetto TooWheels, una carrozzina fai da te per disabili nata dalla sua esperienza di volontariato negli scout, ha scelto queste parole per spiegare il senso profondo dell’incontro tematico che il 9 marzo scorso, nella Casa Vacanza di Zambla Alta, ha coinvolto gli studenti della IIC e IID della Scuola Secondaria di via Monte Popera a Milano.

Dopo essersi presentato alle due classi presenti in Struttura e agli ospiti giunti per l’occasione (Valerio Carrara, Pierangelo Palazzi, Pierangelo Manenti e Yvonne Arioli, rispettivamente sindaco e assessore del Comune di Oltre il Colle e presidente e membro della proloco locale) Fabrizio ha descritto il percorso formativo attraverso il quale ha potuto acquisire le conoscenze e le competenze che gli hanno consentito di raggiungere risultati tanto significativi.

Designer e Maker torinese, associato al Fab Lab di Torino nonché membro del consiglio direttivo, Fabrizio ha condotto in maniera dinamica e divertente l’intera giornata, proponendo un gioco a tempo che ha coinvolto i ragazzi e le ragazze che, per l’occasione, sono stati divisi in sei squadre. Con a disposizione venti spaghetti, un metro di nastro di carta, un metro di spago e un marshmallow i partecipanti si sono sfidati nell’ideazione e nella realizzazione di un’originale torre. La squadra vincitrice è riuscita a realizzare una costruzione di ben 54 cm di altezza.

Proiettando slide del Fab Lab Fabrizio ha precedentemente illustrato gli strumenti di fabbricazione digitale che si trovano all’interno dei laboratori, spiegato il funzionamento di una stampante in 3D e mostrato alcuni oggetti realizzati con questa rivoluzionaria tecnologia. Punto di eccellenza del suo lavoro è la filosofia dell’Open Source, ossia la condivisione sul web di idee e progetti grazie alla quale è stato possibile mettere a disposizione di tutti il suo innovativo progetto low cost e favorire, in questo modo, inclusione e integrazione sociale, con uno sguardo sempre più interessato verso i Paesi in via di sviluppo.

La conclusione dell’incontro tematico è avvenuta con la decretazione della squadra vincitrice della Marshmallow Tower Challenge: alzando una coppa al cielo, i ragazzi sono stati premiati con i gustosi dolci resi famosi da Alex Doumak. Fabrizio ha infine spiegato come lo stesso gioco, proposto a studenti universitari, non abbia sortito il medesimo successo. Gli alunni delle due classi presenti a Zambla si sono infatti dimostrati maggiormente capaci di collaborare assieme e di raggiungere una visione d’insieme del progetto.

La capacità di rendere semplici e comprensibili concetti altrimenti troppo complessi per essere padroneggiati dai ragazzi; la possibilità di sperimentare, attraverso il gioco, i principi fondamentali della cooperazione e del team working; la conoscenza delle tecnologie oggi sempre più sviluppate in grado di semplificare la vita delle persone abbattendo i costi e garantendo maggiore accessibilità sono stati dunque gli ingredienti che hanno consentito ai giovanissimi partecipanti del XIX turno di Scuola Natura a Zambla di vivere una giornata di esplorazione e formazione arricchente e gratificante.

ZAMBLA INCONTRO TEMATICO “LA METEOROLOGIA”

Due ricorrenze importanti per il mondo scientifico, occorse durante il 21° turno di Scuola Natura, hanno suggerito l’idea di proporre, presso la Casa Vacanza di Zambla Alta, località alpina che da sempre sperimenta il complesso dinamismo degli elementi naturali, un incontro dedicato al clima e alla meteorologia. La Giornata mondiale dell’acqua (22 marzo) e quella dedicata alla meteorologia (23 marzo) hanno dunque fatto da sfondo all’evento tematico della Casa Vacanza, importante tanto per i suoi ospiti quanto per tutta la comunità locale.

Il 21 marzo scorso gli alunni e i professori delle classi IID e IIE dell’Istituto Comprensivo Statale Arcadia di Milano hanno infatti accolto Luca Mercalli, apprezzato meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico torinese che, in collaborazione con il geologo Stefano Maffeo (già coinvolto nella progettazione di una nuova Unità di Apprendimento dedicata alla proprio alla meteorologia), ha condotto un’affascinante lezione sull’influenza dei cambiamenti climatici sulla vita quotidiana degli esseri umani e sul pianeta che essi abitano. Un intervento che i partecipanti hanno potuto seguire interagendo costantemente con il noto e accreditato esperto.

Inoltre, a rappresentanza delle istituzioni e della comunità locale, altri ospiti hanno preso parte all’iniziativa: da Pierangelo Palazzi, assessore comunale di Oltre il Colle, a Pierangelo Manenti e Yvonne Arioli, rispettivamente presidente e membro della pro loco di Oltre il Colle; da Mauro Abbadini e Roman Ceroni, rispettivamente direttore e operatore della Fattoria Didattica “Ariete” ed entrambi già collaboratori della Casa Vacanza, a Maurizio Andreozzi, anch’egli meteorologo che dal 1989 svolge studi su Zambla Alta Zambla Bassa.

Il fitto programma della giornata si è articolato in momenti di ascolto, osservazione, studio e confronto che hanno consentito ai partecipanti presenti di scoprire, oltre a interessanti contenuti scientifici, anche consigli utili per intraprendere uno stile di vita sostenibile e rispettoso nei confronti dei delicati equilibri naturali.

Dopo aver appreso il funzionamento del nuovo MeteoKit in dotazione della Casa Vacanza, i partecipanti hanno ascoltato la lezione di Luca Mercalli incentrata sulla distinzione tra meteorologia e climatologia, sulla storia del clima attraverso l’analisi di suolo, rocce, fondali marini e ghiacciai, su proiezioni live raccolte grazie alle telecamere del satellite europeo Meteosat, in orbita fin dal 1977, nonché sulla lettura e l’analisi di un bollettino meteo ufficiale dell’Arpa Lombardia.

È qui che, a seguito di un ulteriore approfondimento sul riscaldamento della terra e sugli effetti dell’inquinamento da anidride carbonica, i conduttori hanno parlato dell’Accordo Internazionale sul Clima di Parigi 2015 e introdotto il significato della Giornata mondiale della Metereologia.

Tutti noi sappiamo quanto le scelte degli adulti di oggi condizionino la qualità della vita degli adulti di domani. Riflessione cruciale che richiama il senso di responsabilità civile ed etico verso le nuove generazioni. Attraverso l’analisi dei trend in continua evoluzione delle temperature globali i ragazzi si sono resi protagonisti di un dibattito incentrato sui corretti comportamenti da attuare e mantenere per arginare gli effetti dannosi del surriscaldamento e dell’inquinamento.

A seguito delle ultime verifiche tecniche subito dopo pranzo è stata inaugurata la nuova stazione meteorologica installata nel cortile della Casa Vacanza; altra occasione importante che ha permesso agli alunni di osservare e conoscere il funzionamento del dispositivo e delle sue singole componenti.

Una table ronde, con curiosità, domande e richieste di chiarimenti da parte dei ragazzi, arricchita dalla testimonianza di alunni provenienti da Paesi tra loro lontani (come ad esempio il Marocco, la Romania e l’Ucraina), ha infine chiuso l’incontro. Non prima, però, del consueto e sempre atteso rito delle foto ricordo e degli autografi, al quale ha fatto da cornice l’omaggio che l’ospite d’onore ha rivolto alla biblioteca della Casa Vacanza donando uno dei suoi libri