Costruiamo la nostra torre

ZAMBLA INCONTRO TEMATICO “INNOVAZIONE E FUTURO”

«Tutti gli esperti sostengono che in futuro sarà sempre più importante imparare a lavorare in squadra, avere un approccio multidisciplinare, conoscere bene l’inglese, sapersi concentrare sul problema prima di trovare una soluzione. Ecco perché oggi dovrete lavorare assieme per aggiudicarvi la Marshmallow Tower Challenge e costruire, così, la più alta torre di marshmallow di Zambla Alta».

Fabrizio Alessio, vincitore del Compasso D’oro 2017 con il progetto TooWheels, una carrozzina fai da te per disabili nata dalla sua esperienza di volontariato negli scout, ha scelto queste parole per spiegare il senso profondo dell’incontro tematico che il 9 marzo scorso, nella Casa Vacanza di Zambla Alta, ha coinvolto gli studenti della IIC e IID della Scuola Secondaria di via Monte Popera a Milano.

Dopo essersi presentato alle due classi presenti in Struttura e agli ospiti giunti per l’occasione (Valerio Carrara, Pierangelo Palazzi, Pierangelo Manenti e Yvonne Arioli, rispettivamente sindaco e assessore del Comune di Oltre il Colle e presidente e membro della proloco locale) Fabrizio ha descritto il percorso formativo attraverso il quale ha potuto acquisire le conoscenze e le competenze che gli hanno consentito di raggiungere risultati tanto significativi.

Designer e Maker torinese, associato al Fab Lab di Torino nonché membro del consiglio direttivo, Fabrizio ha condotto in maniera dinamica e divertente l’intera giornata, proponendo un gioco a tempo che ha coinvolto i ragazzi e le ragazze che, per l’occasione, sono stati divisi in sei squadre. Con a disposizione venti spaghetti, un metro di nastro di carta, un metro di spago e un marshmallow i partecipanti si sono sfidati nell’ideazione e nella realizzazione di un’originale torre. La squadra vincitrice è riuscita a realizzare una costruzione di ben 54 cm di altezza.

Proiettando slide del Fab Lab Fabrizio ha precedentemente illustrato gli strumenti di fabbricazione digitale che si trovano all’interno dei laboratori, spiegato il funzionamento di una stampante in 3D e mostrato alcuni oggetti realizzati con questa rivoluzionaria tecnologia. Punto di eccellenza del suo lavoro è la filosofia dell’Open Source, ossia la condivisione sul web di idee e progetti grazie alla quale è stato possibile mettere a disposizione di tutti il suo innovativo progetto low cost e favorire, in questo modo, inclusione e integrazione sociale, con uno sguardo sempre più interessato verso i Paesi in via di sviluppo.

La conclusione dell’incontro tematico è avvenuta con la decretazione della squadra vincitrice della Marshmallow Tower Challenge: alzando una coppa al cielo, i ragazzi sono stati premiati con i gustosi dolci resi famosi da Alex Doumak. Fabrizio ha infine spiegato come lo stesso gioco, proposto a studenti universitari, non abbia sortito il medesimo successo. Gli alunni delle due classi presenti a Zambla si sono infatti dimostrati maggiormente capaci di collaborare assieme e di raggiungere una visione d’insieme del progetto.

La capacità di rendere semplici e comprensibili concetti altrimenti troppo complessi per essere padroneggiati dai ragazzi; la possibilità di sperimentare, attraverso il gioco, i principi fondamentali della cooperazione e del team working; la conoscenza delle tecnologie oggi sempre più sviluppate in grado di semplificare la vita delle persone abbattendo i costi e garantendo maggiore accessibilità sono stati dunque gli ingredienti che hanno consentito ai giovanissimi partecipanti del XIX turno di Scuola Natura a Zambla di vivere una giornata di esplorazione e formazione arricchente e gratificante.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *